venerdì 15 luglio 2011

Versione 3

Giusto per aggiungere sapori diversi al piatto...
Sto per entrare nell'ufficio del mio capo per lasciargli un ricordo indelebile, qualcosa che gli faccia capire che non ha a che fare con inermi bambini dell'asilo, e che quindi le sue sfuriate possono avere conseguenze. Azione uguale reazione. Umiliarmi uguale subire la mia vendetta.
Sto ancora mentalmente ripassando il libro delle torture, un passo e sono dentro. A differenza delle mie fantasie malate, in realtà spero di trovare l'ufficio vuoto e limitarmi a qualche danno, senza per forza ingiuriare corpi altrui.
E invece? Sorpresa! Il capo è seduto alla sua scrivania. Sta addentando quel che rimane di un tramezzino (pomodoro, gamberetti, maionese) ed è girato verso di me, sorpreso di trovarmi lì. Seduta di fronte a lui, Y gli stava mostrando qualcosa al cellulare. Anche lei si è voltata verso l'intrusa. La sua espressione è impassibile.
Reagisce immediatamente, si alza, va verso il capo e gli sussurra qualcosa all'orecchio. Lui fa un cenno con la testa, senza staccarmi gli occhi di dosso, imbarazzato.
Cosa si stanno dicendo che io non posso sentire? Che ci fa Y qui dentro?
Ancora una volta la mossa è di mia sorella, che con un rapido scatto si lancia contro la finestra. Il vetro esplode verso l'esterno, e lei è risucchiata fuori. Corro a sporgermi, ma di sotto non c'è nessuno.
Sento sbraitare alle mie spalle, il capo mi chiede cosa ho fatto alla finestra. Mi giro a guardarlo, devo capire se sta scherzando. Per tutta risposta getta verso di me la metà rimanente del tramezzino. Il tempo si dilata, vedo un piccolo gambero lasciare al rallentatore il suo rifugio di maionese, poi mi scanso.
Il tramezzino vola fuori dalla finestra, e io torno a guardare di sotto: sparito.

13 commenti:

  1. uaooooooo
    l'ho letto tutto d'un fiato

    sei una persona con forti ideali e passionale
    coraggiosa ma con la paura di subire le forti emozioni
    è ciò che traspare dalla tua scrittura
    complimenti, sei uno che sa scrivere!!!e si legge
    grazie per essere passato da me

    RispondiElimina
  2. povero gambero suicida! era meglio morire mangiato che fuori dalla finestra!!!
    o no??? :)
    grazie per la visita!

    RispondiElimina
  3. @Rosita: grande! Sei UNO che ha colto un sacco di aspetti della mia persona!
    @Deborah: era meglio non finire cucinato e infilato nel panino! :P

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post, davvero!! (come tutti gli altri d'altronde)
    Domanda che sicuramente ti avranno fatto in molti e quindi risulterà banale (ma avrai capito che non posso fare a meno di fartela =D):
    Hai mai pensato di scrivere un romanzo??
    Sei davvero una brava scrittrice, potresti provarci... Una cosa è sicura, io lo comprerei subito :)
    Un abbraccio, Iris

    RispondiElimina
  5. Anch'io soffro vertigini e capo.
    Sei la banana più brava a scrivere che ho visto fin'ora, sinceramente le altre se la cavavano piuttosto male.

    RispondiElimina
  6. @-Iris-: si fanno tanti sogni, ma concretizzarli è troppa fatica! :D
    @Cerex: che dire, da qualche parte avrò un bollino! :P

    RispondiElimina
  7. WOW!!!...avvincente!! come dice iris,un giorno potresti pubblicare un libro....ti serve una copertina??^__^
    NB: grazie del passaggio al mio blog!!

    ciao debby

    RispondiElimina
  8. @debby: giusto, la copertina! bisogna iniziare da qualche parte! XD

    RispondiElimina
  9. Sono colpito! Qualunque esso sia, quello che stai portando avanti qui è un'esperimento dannatamente interessante. Hai vinto un'altro follower ;)

    RispondiElimina
  10. Ciao cara.Non ho ancora letto tutto quello che hai scritto ma ti seguo con partecipazione e tanta simpatia. Può aiutare un pochino?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Grazie. Vorrei avere il dono della scrittura, come te.

    RispondiElimina
  12. Ciao, hai portato qui anche me. Grazie.
    Questo pensavo mentre lo zio Macchy caricava la pagina tornadanoi.blogspot.com.

    RispondiElimina
  13. @Marco: evvai! ^^
    @mimma: un abbraccio anche a te!
    @Cinciarella: esagerata! :P
    @alessandra: saluti allo zio Macchy!!

    RispondiElimina