martedì 11 ottobre 2011

Count Zero

Il tavolo di un pub. Magliette colorate. Ad un primo sguardo sembra un qualsiasi gruppo di studenti che se la spassa in compagnia, ma in mezzo ci sei tu.
Non sei al centro della foto, ma mi cattura subito il tuo sorriso, congelato per sempre nel formato Jpeg.
Bottiglie. Locandine di liquori. Una tua amica ti abbraccia e scherza con l’obiettivo. Distolgo lo sguardo. Mi imbarazza, mi fa arrabbiare. Ti diverti, mentre io soffro per te.
I colori sono strani. Siete immersi in una nuvola di nicotina, o i miei occhi sono bagnati dalle lacrime. Mi viene l’impulso di rovesciare il portatile a terra, poi ragiono.
Cinque facce. Tre non le riconosco, due sì. Ci sei tu, e c’è un tipo che sbadiglia.
A noi due, Mister C.

4 commenti:

  1. L'odore delle pagine di un libro nuovo sono emozionanti come il colore dei castagni in ottobre.
    Ci immergi il naso indipendentemente dalle parole che contiene, ma non si scrive mai per qualcuno, si scrive per il tempo che passa e sgrana la sabbia dalla clessidra.
    Tu appoggia il palmo della tua mano al suo sorriso e con l'altra, scattagli una fotografia.

    RispondiElimina
  2. E'da poco tempo che ti seguo....in silenzio....ascolto le tue parole, i tuoi sentimenti,giustamente è il tuo diario ma non sempre comprendo...è vero che quando siamo arrabbiati la felicità altrui sembra prendersi gioco del nostro dolore ma il suo sorriso sarà stato sincero e forse anche spensierato....e se me lo permetti,non dovrebbe "bastarti"?!

    RispondiElimina
  3. la forma più alta dell'amore è sapere una persona felice non possederla,stai peccando di egoismo!Se ora lei è felice con la sua nuova compagna tu dovresti gioire per la sua felicità (pensiero zen)

    RispondiElimina
  4. @toni: aiuto! Piovono castagne! :P
    @Isola Country: si cambia umore mille volte, col senno di poi hai sicuramente ragione.
    @arirun: non ha una nuova compagna O_o

    RispondiElimina