venerdì 28 ottobre 2011

Un orgasmo

Hai parlato quasi sempre tu, mentre io restavo a guardarti inebetita. La tua sola presenza bastava a stordirmi, eri (sei) tutto quello di cui avevo (ho) bisogno.
Non hai citato casa nostra, ora hai il tuo mondo di storie e di illusioni dove rifugiarti. Roba che covava da tempo, che forse fa un salto di qualità. Ora che so dove sei, e che non sei ostile, so di poter tornare ogni tanto a dare un'occhiata a questo tuo mondo.
Ho cercato di essere lucida, quasi distaccata. Ho provato a controbattere ad argomenti su cui non ero d'accordo. Ma una parte di me, quella meno razionale, assorbiva ogni dettaglio del nostro incontro e mi faceva emozionare con le sensazioni dei nostri ricordi più belli.
Ci sono tonnellate di pensieri che non sono ancora riuscita a condividere con te, Y. Una parte è scritta nei post pubblicati. Tutto il resto uscirà dalla mia bocca, a suo tempo, parola per parola.

8 commenti:

  1. Parole d'amore!
    è bello riuscirsi a esprimesri con le parole, ti invidio:)

    RispondiElimina
  2. E che senso avrà ?
    ...che senso ha farti del male cosi ?.. :-(
    ci sono passata e ti dico che non alcun senso, proprio nessuno, noi donne siamo incapaci di essere semplicemente fiere di ciò che abbiamo perso, e lasciarlo andare dove vuole, con chi vuole. Ostinatamente ci aggrappiamo al dolore.
    Non siamo mai quelle che eravamo ieri, e neppure lui lo è, ogni giorno è cambiamento... Dobbiamo sforzarci di cambiare e di essere in pace.. Tutto ciò che è stato non è andato perduto, e tutto ciò che sarà è un dono prezioso...

    RispondiElimina
  3. Ti leggo spesso.Secondo me,scrivi molto bene.Non so se quella che racconti sia una tua esperienza personale,e se è così, è probabile che mi sia perso qualcosa per strada.Però hai un talento, e penso sia bene capire se scrivi così solo grazie al dolore o saresti in grado di scrivere in questo modo anche in circostanze diverse.Varrebbe la pena provarci.Spero tu possa perdonare la mia franchezza.

    RispondiElimina
  4. Nei rapporti personali ci deve essere scambio. Nel caso questa mancanza di ascolto da parte dell'altro continui, è meglio iniziare a stare attenti.

    RispondiElimina
  5. @ Blackswan.

    Scrive molto bene, punto.

    Il dolore può essere un pretesto.
    Un dolore non rende bella una scrittura.
    Semmai una buona scrittura rende meno brutto un dolore.

    RispondiElimina
  6. @giuseppe manzoli: :*!
    @Maria: pensa esprimersi a rutti!!
    @SabSilviaGriff: aggrapparsi al dolore... tremendamente vero...
    @Blackswan: provo a scrivere a testa in giù! :P
    @Darklili: tendo le orecchie!
    @il pesce volante: wow, concordo!

    RispondiElimina
  7. Mi ritrovo molto in questo post. Come la parte razionale ci faccia vedere qualcosa, mentre il cuore mostra tutt'altro.

    RispondiElimina