sabato 1 ottobre 2011

IMAG0164.JPG

Casa nostra. Loro, se preferisci. Mia.
Una ripresa dal cortile, dal basso verso l’alto, i muri ti sovrastano e immagino siano soffocanti da fuori così come da dentro.
I nostri genitori ci vogliono bene, ma la loro vita è troppo diversa dalla tua. Io invece mi adatto, divento un camaleonte, mi faccio trasportare dalle abitudini giorno dopo giorno.
Hai scattato la mattina presto, ma le finestre della mia camera erano già spalancate: ero già uscita, possiamo anche dire scappata, il prima possibile.
Andavo a lavorare alla galleria, uscivo di casa prestissimo, prima che tutti si svegliassero, stanca di quelle stanze ma al tempo stesso senza una vera possibilità, o volontà, di allontanarmene davvero.
Non avevo, non ho, il tuo coraggio.

18 commenti:

  1. come ti capisco :-( Pero' ti do un consiglio, se riesci ad andartene, prima di farlo cerca di capire se e' sicuro che non ci tornerai perche' tornarci ti assicuro che e' peggio... ti fa' stare moooolto peggio...

    RispondiElimina
  2. Eccomi...Ps: i genitori li porterai sempre dietro, dentro...

    RispondiElimina
  3. La forza di coraggio dell'affrontare la giornata quotidiana è crudele. Miaoooùùùùùù

    RispondiElimina
  4. Trova la forza dentro di te... Se davvero questa casa ti fa soffrire... E non permettere che il suo ricordo ti impedisca di vivere.... :)

    RispondiElimina
  5. Ho letto un pò tra le tue pagine e mi piace molto ciò che scrivi...mi aggiungo ai tuoi segiyores così passerò ancora a trovarti...ciao.

    RispondiElimina
  6. D'accordissimo col primo commento. Perchè alla lunga le cose importanti mancano, sempre.

    ...ti seguo. :)

    RispondiElimina
  7. Adoro il tuo modo di scrivere, la suspence che crei, il tuo uso delle parole, la capacità di non ostentare, il rispetto per le persone che citi! Ammiro il tuo coraggio! Per me sei un mito.

    RispondiElimina
  8. Una mattina mi sono accorto di aver detto troppi sì, forse per pigrizia, perchè era più facile ed adesso esplodo di no che non posso dire.

    A questo mi ha fatto pensare il tuo post e se un post fa pensare, è un buon post

    RispondiElimina
  9. @Polpetta & DanyGrace: vero. Uno dei motivi per cui non mi muovo!
    @Tra cenere e terra & Felinità: forse sì, forse no! Dipende! Siete quasi più drammatici di me! :P
    @Medea.: avrei maggiore sopportazione se... tornasse da noi.
    @Max: se ti piace, ti conviene rileggere :P
    @FOLLOWPIX: intanto, lo cerco su Google!!
    @i'mup forit: arrossisco! ^^
    @Baol: grazie! ;)

    RispondiElimina
  10. Hai un bel modo di raccontare le cose, non farti scappare ciò che conta, e se non può tornare... Non aspettare. Un abbraccio. -Nora*-

    RispondiElimina
  11. Non dirlo a me...io me ne sono andata per 6 anni. Ma poi sono ritornata. Il richiamo verso chi ami è forte, fortissimo...

    RispondiElimina
  12. Io ho un bel rapporto con i miei , ma quando ho sentito dentro di me che era l'ora di andare via sono andato e , mi sto costruendo pian piano la mia vita ...credo che quel momento arrivi per tutti e un giorno sentirai che ora di partire e allora lo farai con serenità.Ci vorrà coraggio e forza ma dopo un po il rapporto si stabilizza, infondo è la vita e noi dobbiamo avere e costruirci la nostra con i nostri sogni e le nostre fatiche. Ciao!

    RispondiElimina
  13. Sembra quasi di vedere il momento in cui scatta la foto...
    Se non vuole o non può tornare, non aspettare, ma comprendi...

    RispondiElimina
  14. coraggio.. che parola complessa.
    non devi temere piccola.
    Io sono partita dal mio paese 10 anni fa
    e oggi torno, per non so per quanto tempo ci resterò. Sono un po zingara..

    Il coraggio è una esplosione di emozioni tutte insieme. Ma come la chimica, un elemento in più può farti esplodere in mille pezzi.

    Ascolta.. il coraggio deve essere composto bene. L'amore, la amicizia, il dovere, il pericolo sono li elementi più importanti. Quelli faranno bene solo a te e male a nessuno.
    Si scappi farai del male ai tuoi, si resti farai male a te stessa. Si invece usi il coraggio per un nuovo poggetto che non ti soffochi crescerai.
    Quello il modo giusto,
    e soprattuto... non parlare in nome del coraggio lamentandoti di non averlo, lui ti abbraccerà si tu lo rispetti e ti porterà lontano da quello che oggi ti fa sentire così soffocare.

    Avanti... rifletti e sei saggia.

    rozlyn

    RispondiElimina
  15. io sono andata via di casa a 20 anni senza essere ritornata;ci sono stati momenti difficili ma non volevo ritornare sconfitta....behhh e passato adesso ho la mia casetta e un compagno che mi ama....ammiro chi rischia rispetto chi non ci riesce...

    RispondiElimina
  16. se aspetti troppo da diventare scontata ed indispensabile ai tuoi,
    potresti non riuscire più a volare via, e in te sorgerebbero inevitabili responsabilità che lo renderebbero impossibile.

    vola finchè hai le ali.

    m

    RispondiElimina
  17. @Nora & Mariuccia: ma come "non aspettare"... ho imbastito su tutto questo...
    @Anna: immagino...
    @LM89: prima o POI costruirò anch'io qualcosa di mio! ;)
    @rozlyn rose: solo a me tornare sa di fallimento?
    @TINA: a vent'anni wow :o
    @Marco: di secondo nome fai Icaro? :P

    RispondiElimina