mercoledì 13 luglio 2011

Piatto freddo

Questo fine settimana viene una combriccola di artisti cittadini: espongono, fanno baldoria e da domenica l’esposizione sarà aperta al pubblico. Le pareti della galleria dovrebbero essere foderate da una stupida carta da parati con un disegno che ricorda il cartone da imballaggio stropicciato. Ho detto “dovrebbero” perché la sottoscritta non ha mandato avanti l’ordine e molto probabilmente non si farà mai in tempo.
G, una delle due streghette del marketing dice che avrei dovuto guardare la cartella con il render e accorgermi da sola che quella texture era una carta da parati specifica (e non un tocco artistico generato casualmente dal computer!), e che lei non ha tempo per spiegarmi ogni dettaglio visto che ne perde già abbastanza a preparare le simulazioni dell’allestimento per i clienti (e per me).
Per farla breve, non solo ho incassato una sfuriata dal capo, ma anche dal suo segretario, davanti a tutti. Non so bene che diritto abbia quest’ultimo di metterci il becco.
E io cosa ho risposto? Niente, intanto perché mi interessa poco o nulla di chi sia la colpa, e poi perché subisco tutto passivamente, sempre. Se qualcosa andasse davvero storto, i miei mi troverebbero un altro posto. Strampalato come questo, sicuro! Ho in testa troppe cose per stare dietro a questa banda, ho pure raddoppiato le ore settimanali dalla Dottoressa.
Per tagliare i rapporti con un minimo di soddisfazione, ho aspettato la pausa pranzo, ho timbrato e mi sono attardata in ufficio. Sono entrata nell’angusta stanza del capo e ho visto per terra una serie di barattoli per le prove colore. Ho preso quello tinta mimosa, ho aperto l’armadio dei raccoglitori (contratti, stampe dei render, pubblicità, schede delle manutenzioni) e ho versato la vernice sui fogli, facendo attenzione a non sporcare fuori.
Per la prima volta, sono uscita dall’ufficio sorridente! (segue l’eco di una risata malvagia)

10 commenti:

  1. Il giallo mimosa è un colore che sta bene con tutto,sto pensando ai colori della faccia del tuo capo quando aprirà l'armadio,sei forte.CIAO

    RispondiElimina
  2. perchè non scrivi un libro ?
    Sei bravissima , lasci senza fiato !

    TI SEGUO . http://machescintille.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. concordo con Daisy... brava.. ed anche sul fatto che le muffe siano preziosismi.Ciao Mirta

    RispondiElimina
  4. Ahahahahahahaaaa... ho desiderato mille volte fare una cosa del genere al mio capo, all'inizio immaginavo di prendere la pratica più importante che aveva in ufficio e fargliela sparire, ma non l'ho mai fatto perchè mi serve uno stipendio. XD

    RispondiElimina
  5. @morgana: gia'! E in teoria non se ne accorgera' subito! ^^
    @Daisy & mirtatb: e' gia' tanto se trovo la voglia di scrivere su un microscopico blog! :P
    @Madoka: puoi farlo l'ultimo giorno che lavorearai li!

    RispondiElimina
  6. Mmm... mi pare un'ottima idea. XD

    RispondiElimina
  7. Waaaaaa!!!! Maleficaaaa!!! ihihihih.... =>
    Ti stimoooo!!!

    RispondiElimina
  8. @Madoka: devo essere sincera, è un'idea che è stata ben ponderata!
    @Erika: grazie del complimento! ^^

    RispondiElimina
  9. brava, mi piace come scrivi a flash mi pare, sottoscrivo chi ti dice perché non scrivi un libro?

    RispondiElimina
  10. @ControWeb: perchè costa fatica! :D

    RispondiElimina